Andrea Pontremoli, AD Dallara, premiato con l’ASFOR Award for Excellence 2021

Andrea Pontremoli, AD Dallara, premiato con l’ASFOR Award for Excellence 2021

L’amministratore delegato e socio di Dallara Automobili ha ricevuto il riconoscimento istituito da ASFOR ¬– Associazione Italiana per la Formazione Manageriale  nel corso della XIX Giornata della Formazione Manageriale promossa dall’associazione, trasmessa in diretta streaming mercoledì 16 giugno. Ad assegnare il premio, che celebra l’eccellenza nel campo dell’imprenditoria e del management, il presidente di ASFOR, Marco Vergeat. Tra gli ospiti della Giornata, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Andrea Pontremoli, amministratore delegato e socio di Dallara Automobili, già presidente e amministratore delegato di IBM Italia, ha ricevuto l’ASFOR Award for Excellence, il premio istituito da ASFOR - Associazione Italiana per la Formazione Manageriale per celebrare l’eccellenza nel campo dell’imprenditoria e del management.
Il riconoscimento è stato conferito dal presidente di ASFOR Marco Vergeat nel corso della XIX Giornata della Formazione Manageriale, promossa dall’associazione mercoledì 16 giugno e seguita in diretta streaming da oltre 300 persone. 
“ASFOR ha scelto di premiare Andrea Pontremoli per la capacità imprenditoriale, la leadership e la vision innovativa che hanno spinto Dallara Automobili ai vertici mondiali del segmento, ma anche per la sua costante attenzione nei confronti del territorio e per il suo impegno nella promozione di processi formativi di qualità, che contribuiscono all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e allo sviluppo delle competenze degli occupati”, ha affermato Marco Vergeat.
“Andrea Pontremoli ha dato impulso all’eccellenza italiana nel campo dell’innovazione tecnologica, della ricerca e della produzione, offrendo un importante contributo alla crescita e al successo del distretto della Motor Valley emiliana, un fiore all’occhiello del sistema produttivo del nostro Paese”, ha sottolineato il presidente di ASFOR.
L’ASFOR Award for Excellence celebra anche la portata sociale e innovativa del sistema di formazione supportato con convinzione da Andrea Pontremoli, creato sul territorio facendo leva sulla collaborazione tra impresa, enti formativi di diversi livelli, università, business school, istituzioni locali e Regione.
“Il sistema formativo della Motor Valley emiliana ha alimentato la creazione di percorsi e laboratori altamente qualificanti rivolti agli studenti delle superiori e ai diplomati e si è esteso fino all’istruzione universitaria e post-universitaria”, ha ricordato Vergeat.
Promossa con l’apporto essenziale della Regione Emilia-Romagna, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna (MUNER) coinvolge dieci aziende emiliane leader nell’automotive – oltre a Dallara ci sono Ferrari, Lamborghini, Maserati, Ducati, Haas Formula 1, Alpha Tauri, HPE, Magneti Marelli, Pagani – che in collaborazione con le università e le business school dell’Emilia Romagna hanno dato vita a sette nuovi corsi di laurea magistrale in Ingegneria; a questi si aggiungono quattro master post-laurea e un MBA. Il campus è “grande quanto l’intera regione” e il circuito attira giovani studenti anche dall’estero grazie al taglio internazionale degli insegnamenti e alla forza attrattiva del distretto produttivo a cui è collegato.
Nel ricevere l’ASFOR Award for Excellence, Andrea Pontremoli ha sottolineato come l’impegno per la crescita del territorio si inscriva in una visione in cui la competitività dell’impresa non può prescindere dalla competitività del territorio in cui è inserita.
La Motor Valley costituisce un ecosistema in cui le grandi imprese guidano lo sviluppo dell’intera filiera in termini di innovazione, competenze e competitività internazionale. Infatti, le eccellenze locali, anche di piccole dimensioni, sono presenti in modo significativo sui mercati esteri attraverso la catena di fornitura.
Pontremoli ha concluso ponendo l’accento sulla responsabilità che spetta agli imprenditori e ai manager, chiamati a essere capi nel senso più autentico del termine: riconoscendo nelle persone talenti e potenzialità e offrendo alle nuove generazioni valori, motivazione, passione e scopi che alimentano il senso di appartenenza e rendono anche i giovani protagonisti del successo dell’impresa in cui operano.