Premio ASFOR alla Carriera 2004

ALLA MEMORIA DI CLAUDIO DEMATTE'

ClaudioDematte

Claudio Dematté (Trento, 4 marzo 1942 – Milano, 19 marzo 2004) è stato un economista italiano.
Fu per lunghi anni professore ordinario di Economia aziendale presso l'Università Bocconi di Milano. 
Nel 1971 fondò la Scuola di Direzione Aziendale dello stesso ateneo, di cui fu prima direttore generale (dal 1973 al 1990) e poi presidente (dal 1996 al 2002). Nel 1988 fondò la rivista Economia & Management (Etas), di cui fu direttore editoriale fin dalla nascita.
La sua intensa attività di docente e studioso si concentrò soprattutto sui seguenti temi: strategia aziendale, strategie di internazionalizzazione, mercati creditizi, economia degli intermediari finanziari, gestione dell'impresa televisiva. Gli impegni accademici, peraltro, non gli impedirono di ricoprire incarichi aziendali di assoluto rilievo, che lo resero in qualche modo popolare anche presso il grande pubblico.
La sua nomina alla presidenza della RAI nel 1993 diede inizio alla cosiddetta «era dei professori», tentativo poco riuscito, anche a causa dei tempi brevissimi in cui si cercò di attuarlo, di superare la logica della lottizzazione della RAI. 
Nel 1998 divenne presidente delle Ferrovie dello Stato. 
Fu membro di numerosi consigli di amministrazione, presidente di E.Capital Partners, società di advisoring nel corporate finance e nella finanza etica, e di Aifi, l'Associazione Italiana Private Equity e Venture Capital.


Motivazione del conferimento

Il Consiglio Direttivo di ASFOR ha deciso di conferire al Prof. Claudio Demattè il “Premio ASFOR alla Carriera 2004”  per ricordare il collega e amico e il suo importante ruolo svolto in ASFOR quale pioniere della Formazione Manageriale in Italia.

ASFOR utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" inclusi quelli a fini pubblicitari. Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso.