Info Gallery

Indice

Tavola Rotonda 
Competenze manageriali per generare start-up e guidare i giovani verso l’innovazione
e la realizzazione di imprese vincenti
 

Modera Gaia Fiertler, giornalista collaboratrice de L'Impresa - Il Sole 24 Ore
Interventi: 
Carlo Carraro, presidente H-FARM 
Stefano Mainetti, ceo PoliHub - Startup District & Incubator - Fondazione Politecnico di Milano 
Raffaele Oriani, associate dean for Post-Graduate programmes, direttore MBA, LUISS Business School 
Elisabetta Salvati, presidente AFORISMA Business School

Carlo Carraro

Illustrazione della unicità del modello formativo di H FARM, in cui la formazione è disegnata per il mondo del digitale e inserita in un ecosistema di start-up dove la distanza tra formazione ed esperienza lavorativa (sviluppo imprenditoriale) si annulla.

Presentazione della struttura del percorso formativo e opportunità di learning on the job offerte agli studenti in H CAMPUS. Il nuovo campus, progettato dall’architetto Richard Harris, in un terreno arbustivo di 40.000 ettari, è previsto  a regime nel 2020 con 2.000 studenti e sarà in grado di ospitare 1050 persone tra staff e startupper. 

L’investimento reso disponibile è di 101 milioni di euro.

Proposta dei contenuti del percorso formativo di H FARM - che si svolge in lingua inglese - in cui competenze manageriali si associano a competenze digitali e di design, con grande enfasi su processi di apprendimento basati su design thinking e sviluppo delle soft skills.

Stefano Mainetti

Stefano Mainetti

DSC06654

Bisogna sfatare un falso mito: i fattori critici di successo per il lancio di una startup non sono le competenze manageriali. I fattori critici di successo sono nell’ordine:

  1. Timing
  2. Team
  3. Business model
  4. Idea
  5. Funding

La prima competenza è quindi di saper vivere nel futuro e di accorgersi che il futuro è sul punto di avverarsi. Poi la capacità fondamentale è quella di saper creare un team. Solo dopo arriva la prima competenza gestionale esplicita che è quella di definire un business model.

Il MIP ha ben chiari questi elementi, e per questo offre un percorso denominato Startup Program che propone, con la modalità del training on the job, i principali passi che devono essere compiuti da una startup:

  • Business model
  • Commercial planning
  • IP protection Economics, Legal, Financials
  • Investor pitch

Qui è fondamentale la qualità della didattica e la formula dell’active learning.
In questo programma vengono affiancati ai team dei mentor specializzati nel dominio di business e dei tutor di PoliHub per tutto il percorso di accelerazione.
Questo percorso permette di valutare il team e la startup.
Solo in un secondo tempo, vale a dire in fase di scale-up, diventano fondamentali le competenze manageriali. Il MIP per questa fase mette a disposizione tutti i percorsi brevi Executive specializzati per dominio di business. Inoltre ha messo a punto un nuovo percorso Executive denominato “Entrepreneurship Lab” volto a far sviluppare in laboratori per imprenditori, quella cultura manageriale applicata indispensabile per il loro lavoro.

C’è un ampio dibattito – ricorda Stefano Mainetti- circa il fatto che l’imprenditorialità possa o meno essere insegnata. Ciò che è certo è che le migliori università e business school oggi sono in grado di fornire agli imprenditori le competenze necessarie per avviare un nuovo business, affinare un business model, definire piani commerciali, accedere a capitale di rischio, gestire persone ed evitare rischi finanziari o legali.”

Raffaele Oriani

Raffaele Oriani

“Le business school devono accettare le nuove sfide create dai processi di innovazione digitale, che modificano le professioni e le competenze richieste dal mercato del lavoro,- sottolinea Raffaele Oriani - e confrontarsi con nuovi paradigmi di creazione del valore, che prevedono la condivisione delle risorse e una sostenibilità di lungo termine. A tal fine, devono continuamente innovare i contenuti e le metodologie didattiche, stimolando la creatività e la capacità di problem solving. In Luiss Business School, abbiamo introdotto negli ultimi anni e in tutti i programmi diversi laboratori trasversali che aiutino i nostri studenti a portare imprenditorialità, innovazione e cambiamento nei contesti professionali in cui saranno chiamati ad operare”.

Al centro dell’approfondimento le nuove sfide per la formazione manageriale (rivoluzione digitale e ridefinizione delle professioni, nuovi paradigmi per la creazione di valore, sostenibilità) così come il cambiamento delle skill richieste dal mercato (complex problem solving, critical thinking, creativity). 
Innovazione ed imprenditorialità sono al centro dei processi formativi. Imprenditorialità intesa non solo come creazione di nuove imprese, ma anche come generazione di cambiamento all’interno di organizzazioni esistenti. Tutto ciò richiede innovazione nei contenuti e nelle metodologie didattiche. Lab esperienziali e didattica in modalità flipped.

In Luiss BS è stato introdotto AdVenture Lab, nell’ambito del quale gli studenti sviluppano proprie idee di business o supportano startup e corporate ventures nelle fasi di sviluppo. 
Importanza dell’integrazione con l’acceleratore universitario (Luiss Enlabs).

Elisabetta Salvati 
Intervento di sintesi, predisposto ma non presentato di persona.

Parlare di “competenze manageriali per generare start-up e guidare i giovani verso l’innovazione e la realizzazione di imprese vincenti” significa, di fondo, parlare della capacità della formazione di educare all’imprenditorialità, cioè di promuovere competenze imprenditoriali.

L’educazione all’imprenditorialità è una delle priorità dell’agenda Europea 2020 ed è stata integrata nei curricula della maggior parte dei Paesi europei. Su 28 Paesi dell’Unione Europea, 21 hanno avviato programmi di educazione all’imprenditorialità. Tra i grandi Paesi, solo Italia, Francia e Germania non hanno ancora organicamente inserito questo tema all’interno dei curricula scolastici, anche se sono presenti progetti sperimentali da parte di singole scuole in Italia generare competenze imprenditoriali. 
Perché è così importante l’educazione alla imprenditorialità?

pdf slides di approfondimento - intervento Elisabetta Salvati

YouTubeiconTavola Rotonda Competenze manageriali


ASFOR utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" inclusi quelli a fini pubblicitari. Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso.

Non hai un account? Contattaci subito!

Accedi con le tue credenziali