ASFOR informa

Con la sigla del protocollo d’intesa tra Assolavoro, ASFOR, AssoFormazione, Rete Lavoro e AISO, si è realizzata una rete di associazioni con l’obiettivo di integrare attività ed esperienze dei vari soggetti in un’ottica sinergica di miglioramento dei servizi alle imprese e ai lavoratori, proponendosi inoltre come un soggetto unitario nei confronti delle istituzioni per definire e realizzare efficaci politiche riguardanti il mercato del lavoro e il sistema educativo e della formazione

Tra le principali priorità già individuate, oltre al riconoscimento delle competenze delle figure professionali che operano per lo sviluppo delle politiche attive nel mercato del lavoro, si segnala l’esigenza di consolidare ed estendere gli strumenti normativi per l’inserimento e il reinserimento al lavoro basati anche su interventi di formazione professionale e manageriale mirati alle reali esigenze del sistema produttivo.

In tale prospettiva, ASFOR ha in particolare rimarcato l’esigenza fondamentale di migliorare le attività di orientamento a tutti i livelli del sistema educativo nazionale, università comprese, al fine di ridurre il paradosso di alti tassi di disoccupazione giovanile e contemporaneamente le difficoltà di molte aziende a reperire sul mercato determinati profili professionali funzionali alle loro esigenze produttive. Si tratta di uno spreco di risorse ed energie che non può più essere tollerato in un paese che stenta a uscire dalla più grave crisi del dopo guerra e a riprendere un percorso di crescita. Occorre saldare velocemente la persistente frattura tra momento educativo-formativo e momento lavorativo, sia mediante una capillare informazione a studenti e famiglie sulle dinamiche produttive e sui relativi fabbisogni professionali, sia rafforzando i momenti di alternanza scuola-lavoro recentemente definiti anche a livello normativo. L’efficacia di tali misure sarebbe certamente favorita dalla predisposizione di sistemi di valutazione delle performance dei diversi operatori della filiera sulla base di idonei indicatori oggettivi validati anche a livello europeo (esempio qualità dei processi, risultati di placement). In questo senso giova ricordare che Asfor realizza già da oltre 25 anni il sistema di accreditamento dei Master in cui tali aspetti vengono verificati in modo rigoroso, a tutela delle istituzioni che li offrono e degli utenti, sia di quelli diretti – i partecipanti- sia di quelli indiretti, ovvero le aziende che li assumono.

Ciò è tanto più rilevante nel momento in cui il sistema produttivo, accanto alle problematiche del mercato globale, si trova a fronteggiare gli effetti della trasformazione (o rivoluzione) digitale che sta cambiando radicalmente le caratteristiche delle organizzazioni, con un impatto dirompente sulle stesse caratteristiche professionali delle risorse umane. Se da un lato le nostre imprese, troppo piccole e spesso con strutture di governance familiari, scarsa disponibilità di competenze manageriali e con modelli di business invecchiati, che già faticano a reggere le sfide della competizione globale (come dimostrano impietosamente i dati relativi al ridimensionamento subito negli ultimi 10 anni dal nostro sistema industriale manifatturiero), rischiano di essere ulteriormente penalizzate se non saranno in grado di far fronte alle nuove esigenze poste dal rapido sviluppo delle tecnologie digitali. E’ assodato infatti che tali tecnologie, nel mentre rendono obsoleti – o addirittura cancellano – molti dei tradizionali ruoli professionali, creano opportunità per soggetti con adeguate competenze specialistiche e/o con competenze trasversali di tipo organizzativo e gestionale. L’impegno di tutti i soggetti coinvolti in questi processi concerne in definitiva la capacità di creare le condizioni affinchè tali opportunità possano essere effettivamente colte.

  

di VLADIMIR NANUT, presidente ASFOR
L'IMPRESA Rivista Italiana di Management nr. 1/2017

pdf Scarica l'articolo 

Siglato il protocollo di intesa alla presenza del sottosegretario alla presidenza del consiglio, Tommaso Nannicini.
Firmatari: Assolavoro, Aiso, Asfor, Rete Lavoro e Assoformazione.
Del Conte: “La settimana prossima presenteremo l’assegno di ricollocazione, prima vera politica attiva nazionale per il lavoro”

Roma, 22 novembre 2016. Nasce la rete degli operatori privati per il lavoro e la formazione. Assolavoro (Associazione nazionale delle Agenzie per il Lavoro), Aiso (Associazione italiana Società Outplacement), Asfor (Associazione italiana per la Formazione Manageriale), Rete Lavoro (Associazione italiana delle Agenzie per il Lavoro che operano nell’intermediazione) e Assoformazione (Associazione delle Società di Formazione di diretta o indiretta emanazione delle Agenzie per il Lavoro associate ad Assolavoro accreditate presso Forma.Temp), infatti, hanno siglato oggi, a Roma, un Protocollo d’Intesa, che segna l’avvio di una collaborazione organizzativa destinata a dare vita a una Federazione di scopo denominata “Stati Generali del Lavoro”.

La firma è avvenuta a margine dell’appuntamento “Verso gli Stati Generali del Lavoro. La rete dei privati per i lavoratori e le imprese”, a cui hanno partecipato Giuseppe De Rita, Presidente del Censis, Marco Gay, Presidente Giovani Imprenditori di Confindustria, Gigi Petteni, Segretario Confederale CISL e Maurizio Del Conte, Presidente di ANPAL. 
Le conclusioni sono state affidate a Tommaso Nannicini, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel corso dell’evento Maurizio Del Conte ha annunciato: “La settimana prossima presenteremo l’assegno di ricollocazione, prima vera politica attiva nazionale per il lavoro”.

Il Protocollo dà vita all’Associazione “Stati Generali del Lavoro” che opera per: 
- Rappresentare alle Istituzioni e agli stakeholder politici ed economici gli interessi comuni delle Parti e formulare le relative proposte;
- Promuovere, presso questi soggetti, le condizioni più favorevoli per attuare l’attività imprenditoriale;
- Promuovere il riconoscimento delle competenze delle figure professionali che operano per lo sviluppo e la realizzazione delle politiche attive del mercato del lavoro;
- Predisporre indagini congiunturali, iniziative formative e seminariali nelle materie di interesse di tutte le Parti;
- Monitorare la normativa in itinere e in vigore, per valutarne l’impatto tecnico ed economico;
- Promuovere un sistema di comunicazione integrato tra le Parti per un’adeguata valorizzazione della filiera degli operatori privati;
- Assumere ogni iniziativa utile ai propri scopi da realizzarsi nel rispetto delle autonomie e della rappresentanza proprie delle Parti.

Il documento, inoltre, definisce gli ambiti di collaborazione delle Associazioni:
- Consolidamento ed estensione di soluzioni legislative e organizzative che intestino alla persona il diritto di scegliere i servizi per essa previsti anche attraverso l’attribuzione di un voucher/bonus;
- Certificazione e qualificazione delle competenze degli operatori attraverso il riconoscimento delle specifiche figure professionali;
- Sviluppo di modelli di inserimento e reinserimento al lavoro che si avvalgano anche di una formazione professionale e manageriale quanto più possibile mirata alle esigenze del sistema produttivo;
- Promozione di forme di premialità degli operatori specializzati al raggiungimento del placement;
- Valorizzazione del sistema pubblico di rating sui risultati ottenuti dai diversi attori della filiera, basato su indicatori oggettivi di risultato, validi a livello europeo, condividendo sia gli indicatori per una formazione efficace sia quelli per il miglior inserimento lavorativo;
- Definizione di proposte e progetti che mirino allo sviluppo del Capitale Umano, con l’obiettivo di favorire l’occupabilità e la competitività di chi è già attivo;
- Efficientamento del rapporto fra domanda e offerta di formazione, sostenendo gli approcci innovativi nei diversi percorsi e ambiti, in particolare per quanto riguarda la formazione non formale e informale;
- Accrescimento delle competenze professionali e manageriali delle diverse figure coinvolte nella gestione dei servizi della filiera dei servizi di formazione, accompagnamento al lavoro, mercato del lavoro;
- Organizzazione di eventi congiunti;
- Elaborazione di survey e studi.

Dichiarazioni di Giuseppe Garesio, Vice Presidente Assolavoro
“Fare rete è l’unica strada per affrontare in maniera efficace le sfide che si presentano a cominciare dalle nuove politiche attive da mettere in campo. È anche il modo migliore per offrire alle Istituzioni un’interlocuzione propositiva e organizzata così da contribuire a rendere effettivi i processi di inclusione delle persone nel mondo del lavoro”.

Dichiarazioni di Agostino Di Maio, Presidente di Assoformazione
“Il mercato del lavoro è attraversato da trasformazioni importanti, si pensi solo all’Industria 4.0 e al lavoro agile. La formazione finalizzata e la disponibilità di servizi efficaci per l’occupazione sono una leva essenziale per il futuro del lavoro. Il protocollo sottoscritto oggi è un atto di responsabilità che guarda in questa direzione”.   

Dichiarazioni di Cetti Galante, Presidente Aiso 
“Da oggi c’è una voce coordinata ad espressione di tutte le società private coinvolte in materia di lavoro e aggiornamento delle competenze. Il dialogo con le istituzioni sarà più efficace e potrà coprire tutte le tematiche rilevanti per garantire alle persone continuità di carriera e alle imprese un capitale umano sempre adeguato alle sfide di business”.

Dichiarazioni di Vladimir Nanut, Presidente Asfor
“Considerato che il valore del Capitale Umano è la vera leva strategica per recuperare competitività e garantire un futuro al nostro Paese, risulta indispensabile saper integrare buona formazione ed efficaci servizi nel mercato del lavoro. Con il Protocollo creiamo una “rete” aperta al confronto con le Istituzioni e gli stakeholder per concorrere a definire politiche attive capaci di generare competenze manageriali-tecniche, occupazione e nuova imprenditorialità”.

Dichiarazioni di Marco Gaione, Presidente Rete Lavoro
“Siamo nati per fare rete e siamo fieri oggi di poter consolidare i nostri rapporti sul territorio. Più si rafforza e si completa una rete e più aumenta e migliora il tasso di occupabilità delle persone. Essere uno dei propulsori del nuovo sistema di politiche attive è l’atto di responsabilità più importante che possiamo fare oggi nei confronti delle generazioni di domani. Ci vogliono molta intensità, determinazione ed organizzazione. Siamo insieme per questo”.

bannerJOB16dinamico 600x200

Nelle tre giornate, il racconto dei progetti eccellenti e dei percorsi di raccordo tra scuola e impresa.

Testimonianze dai giovani e dalle imprese, le migliori esperienze di alternanza, i percorsi ITS, strumenti per accorciare le distanze tra banchi di scuola e lavoro.
E per i giovani in cerca di lavoro workshop e laboratori, incontri con esperti, responsabili risorse umane, imprenditori, e testimonianze di coetanei.
Tra i grandi ospiti attesi i ministri GIULIANO POLETTI e STEFANIA GIANNINI, i sottosegretari Luigi Bobba e Gabriele Toccafondi, e ancora Tito Boeri, Maurizio Del Conte, Alberto Baban, Giovanni Brugnoli

A un anno dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà dell’alternanza scuola lavoro per tutti i ragazzi e dell’avvio della sperimentazione del sistema duale, arriva la 26a edizione di JOB&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, da giovedì 24 fino a sabato 26 alla Fiera di Verona.

“Imparare lavorando: in Italia si può” è il filo rosso delle tre giornate, che fungeranno da amplificatore all’appello del mondo della scuola e delle istituzioni: è ora necessario mettere a sistema le migliori energie di tutti perché gli strumenti di raccordo tra scuola e lavoro si rafforzino e si diffondano. Una sorta di chiamata all’azione, insomma, rivolta a imprese, istituzioni, enti culturali, perché “aprano le porte” e si rendano partecipi della sfida condivisa e insieme della grande responsabilità: favorire passaggi più fluidi e veloci dai banchi di scuola al lavoro, rafforzando le competenze dei giovani “sul campo” e promuovendo la loro “socializzazione” al lavoro.

Promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, insieme a numerose altre realtà istituzionali e non solo, il salone si compone di un’ampia rassegna espositiva (500 le realtà presenti) e di un calendario culturale molto articolato, che conta oltre 200 appuntamenti tra convegni, dibattiti, workshop e con più di 350 relatori confermati.

Tra i maggiori ospiti delle tre giornate: il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali GIULIANO POLETTI e il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca STEFANIA GIANNINI, che giovedì mattina apriranno la manifestazione incontrando gli studenti. E ancora i sottosegretari Luigi Bobba e Gabriele Toccafondi, Alberto Baban, Giovanni Brugnoli, Maurizio Del Conte. Accanto a loro numerosi altri gli esperti e testimoni dal mondo dell’economia, della politica e della cultura.

Momenti di aggiornamento e confronto per gli operatori del mondo della scuola e della formazione. Numerosi nei tre giorni i momenti di aggiornamento e dibattito rivolti a dirigenti scolastici, docenti e formatori, operatori dell’orientamento. In molti degli appuntamenti a loro dedicati dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca sarà centrale il tema dell’alternanza scuola lavoro, con l’obiettivo di dare agli operatori strumenti e competenze per la progettazione e la realizzazione dei percorsi.

ASFOR – patrocinatore del percorso rosso  - sarà presente con un info point “Alta Formazione” per orientare nella scelta post laurea, per presentare il Processo di Accreditamento dei Master e per illustrare l’attività dell’Associazione.

PRESENZA ASFOR AREA CONVEGNI
Il progetto per il 2016 prevede la realizzazione di un momento formativo cogestito da ASFOR e Fondazione Consulenti per il Lavoro con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e MIUR/Veneto che evidenzi per quanto riguarda l’alternanza scuola-lavoro gli aspetti normativi e gli aspetti gestionali nel rapporto con le imprese.
I seminari che si terranno all’interno dello stand del MIUR, sono a numero chiuso con pre-registrazione obbligatoria tramite apposito  form
I destinatari di tale incontri sono i docenti delle Scuole Superiori di secondo grado delegati dal Dirigente Scolastico per le attività di alternanza scuola-lavoro e in generale i docenti che seguono per le proprie classi le attività di inserimento in impresa.
I temi che verranno trattati sono:
• Alternanza scuola–lavoro
• Aspetti contrattuali (JOBS ACT, nuovi contratti e vincoli)
• Rapporti con il mondo delle imprese: gestione stage e attività di placement
• Politiche attive del mercato del lavoro

Le sessioni di formazione si svilupperanno con il seguente calendario:
Giovedì 24 novembre 2016: ore 10,00 – 11,30: Alternanza scuola-lavoro: la normativa e il rapporto con le imprese
Giovedì 24 novembre 2016: ore 14,30 – 16,00: Alternanza scuola-lavoro: la normativa e il rapporto con le imprese
Venerdì 25 novembre 2015: ore 10.30 – 11,30: Alternanza scuola-lavoro: la normativa e il rapporto con le imprese
Venerdì 25 novembre 2015: ore 14,30 – 16,00: Alternanza scuola-lavoro: la normativa e il rapporto con le imprese

AREA ESPOSITIVA
Sono due le aree tematiche della rassegna espositiva JOB&Orienta, articolate in sei percorsi.
In particolare segnaliamo il Percorso rosso, l’area dedicata all’università, la formazione e il lavoro, che gode del patrocinio di ASFOR.
All’interno di quest’area è previsto un apposito spazio per workshop, incontri con aziende e seminari: nella Saletta Top Job ASFOR terrà, venerdì 25 novembre alle ore 13.30, il workshop "Perché scegliere un master accreditato ASFOR‎: competenze e placement”

L’ingresso alla manifestazione è gratuito. È possibile registrarsi nel sito ufficiale compilando l’apposito form e stampare direttamente il proprio biglietto provvisto di QRcode, che consentirà, anche durante la visita, l’accesso alle informazioni sugli espositori e sugli eventi in programma. 

Per informazioni sulla rassegna espositiva e il programma completo dei tre giorni: http://www.joborienta.info/

Milano, 23 novembre 2016 - Si è tenuto venerdì 18 novembre il Convegno APAFORM, con il patrocinio di ASFOR, "Competenze manageriali competitività e sviluppo. Il modello di qualificazione APAFORM" ospitato da Stoà - Istituto di Studi per la Direzione e Gestione di Impresa, sede regionale di APAFORM, in collaborazione con l'Ordine dei Consulenti del Lavoro-Consiglio provinciale di Napoli.

 

Alla presenza dell’assessore al lavoro della Regione Campania Sonia Palmeri, il presidente APAFORM Elio Borgonovi ha illustrato il processo di qualificazione delle competenze e abilità dei Formatori Manageriali che prevede 4 figure  professionali (e poi declinate in specificità di ruoli sulla base del diverso livello di EQF ipotizzato) che coprono i diversi processi della filiera della formazione manageriale: - formatore manageriale specialista, - formatore manageriale di sistema, - formatore manageriale gestore di strutture, - coordinatore di programmi di formazione manageriale.

Il presidente Borgonovi ha sottolineato inoltre come il processo di Qualificazione APAFORM sia stato progettato attraverso l'esperienza che ASFOR Associazione Italiana per la Formazione Manageriale ha sviluppato con il Processo di Accreditamento Master ASFOR: “investire sulle competenze delle Persone (Capitale Umano) – evidenzia Borgonovi - significa anche affrontare il tema della intergenerazionalità, in una logica di un sistema economico inclusivo capace di sommare e integrare i contributi e le specificità apportate da diverse generazioni”.

 

Nel panel dei relatori: Maurizio Barracco (presidente Banco di Napoli), Francesco Duraccio (vicepresidente Fondazione Consulenti per il Lavoro), Massimo Lo Cicero (economista), Leopoldo Angrisani (Università degli Studi di Napoli Federico II), Paolo Scudieri (amministratore delegato Adler Group). Per APAFORM il presidente Elio Borgonovi e il consigliere Vincenzo Maggioni.

 

Attraverso i vari interventi si è condiviso il valore delle competenze manageriali per la competitività del Sistema Paese e la loro assoluta rilevanza per il rilancio del Mezzogiorno. In questo è stato riconosciuto il valore positivo del processo di qualificazione di APAFORM per costruire un Sistema capace di "FareRete" e condividere le positività dei diversi soggetti coinvolti per dare Futuro al nostro Paese.

“La formazione di alto livello è necessaria, perché le nuove strade della competitività vanno dove c’è un sistema che mette insieme alta formazione, imprese e università”, ha sottolineato il direttore generale di Stoà Enrico Cardillo.

>> VIDEO dell’evento

 

Per ulteriori informazioni:
Segreteria Organizzativa APAFORM: Tel. 02/58328317, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Alla presenza dell’Assessore Regionale all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro Sebastiano Leo, il giorno 11 novembre 2016 si terrà a Lecce - con il patrocinio di ASFOR - il convegno APAFORM Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management "Il modello APAFORM per la qualificazione del formatore manageriale italiano", ospitato da AFORISMA quale sede regionale dell’Associazione.

Sarà un importante momento di confronto per valutare come APAFORM può concorrere a sostenere lo sviluppo nella Regione Puglia di un Sistema formativo di qualità e sarà, inoltre, l’occasione per presentare ai diversi operatori della Regione il Sistema di qualificazione che APAFORM ha sviluppato attraverso l’identificazione di quattro figure professionali: Formatore manageriale specialista; Formatore manageriale di sistema; Formatore manageriale gestore di strutture; Coordinatore di programmi di formazione manageriale. 

APAFORM – inserita nell’Elenco del Ministero dello Sviluppo Economico delle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi ai sensi della Legge 4 del 2013 sulle professioni non ordinistiche – ha definito il processo di qualificazione in linea con i criteri indicati nell’EQF (European Qualifications Framework). Può qualificarsi chi opera sia come professionista indipendente, sia all’interno di scuole, di centri di formazione, di Corporate University e direzioni HR/Formazione.

Nel corso del convegno verranno sviluppate riflessioni sui seguenti temi:

  • ruolo strategico che le professioni non ordinistiche hanno acquisito per la competitività del Sistema economico
  • valore che la qualificazione APAFORM genera per un reale riconoscimento di competenze e abilità
  • modello di valutazione che porta al riconoscimento della qualificazione APAFORM.

La partecipazione è libera e gratuita.

Per esigenze organizzative si prega di confermare la partecipazione entro il 9 novembre 2016, compilando l’apposito form.

Per ulteriori informazioni:

Segreteria Organizzativa APAFORM: Tel. 02/58328317, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Pagina 3 di 10

ASFOR utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" inclusi quelli a fini pubblicitari. Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso.

Non hai un account? Contattaci subito!

Accedi con le tue credenziali